Università degli Studi della Repubblica di San Marino Corso di Laurea triennale in Design Corso di Laurea Magistrale in Design

Tesi di laurea "Design come strumento di liberazione"

Il progetto accompagna, in un iter di formazione, disciplina ed assistenza, chi si appresta ad uscire dalla residenza penitenziaria e rischia di trovarsi senza un’occupazione, senza credibilità e senza possibilità alcuna di inserirsi di nuovo nella società. Vuole metaforicamente essere l’immagine di un ponte di collegamento tra due mondi, solo apparentemente distinti: “dentro il carcere” e “fuori dal carcere” e aiuti il detenuto nel suo percorso che deve compire tra questi e gli dia la speranza per costruire un futuro diverso. Il progetto utilizza la modalità della scrittura come mezzo di evasione. Il detenuta diviene protagonista della propria storia, come testimone privilegiato il cui punto di vista rappresenta la principale fonte di ricostruzione di ciò che è stato (passato), di ciò che è (presente) e di quello che spera possa essere (futuro). Attraverso quesiti con domande aperte si vuole dare la possibilità di dare spazio all’espressione diretta del detenuto. Il progetto si articola attraverso una scansione temporale, la quale parte dal passato per arrivare al futuro. Il risultato finale sarà la realizzazione di una sorta di diario personale che possa essere condiviso e porti testimonianza del percorso personale intrapreso dal soggetto durante la detenzione.

    ALTRI PROGETTI

  • 0TraMa
  • 0FIREFLY
  • 0Farma Informa
  • 0Liska
  • 0groWater
  • 0Al MèNI
  • 0Beehuman
  • 0Design come strumento di liberazione
  • 0Functional Food: la Piedina